Menu
0
CONSEGNE VELOCI
IL MIGLIOR SERVIZIO
15.000 ARTICOLI DIVERSI
SPEDIZIONE GRATUITA / € 50,-

THE STRINGPOINT GROUP

L'ho fatto accadere

Tempo fa si è verificato un problema con la nostra caldaia HR. Mio marito aveva chiamato l'installatore e il giorno dopo sarebbe venuto un tecnico per controllare tutto ed eventualmente ripararlo. La mattina dopo ci siamo seduti dentro e avevamo appena bevuto una tazza di caffè. Mi stavo appena alzando per fare il bagno quando suonò il campanello. "Sarà quel meccanico." ha detto mio marito. "Apri subito la porta se vai da quella parte?" Lo guardai divertita e gli chiesi se lo intendeva davvero, visto che non indossavo altro che un accappatoio corto. Mi guardò con una risatina e scherzò; "Puoi apprezzare una piccola sfida ed eccitazione, tesoro." "Stronzo!" dissi scherzosamente mentre tornava indietro e si avviava verso la porta d'ingresso. Entrai nel corridoio e aprii la porta e c'era davvero il meccanico promesso. La sua reazione al mio aspetto appena vestito è stata più che chiara. Un po' goffamente, si presentò e riferì per cosa stava venendo. Il suo disagio mi ha fatto sentire un po' più sicuro e gli ho parlato senza balbettare e l'ho indirizzato al soggiorno dove mio marito Steven lo avrebbe aiutato ulteriormente. Mi voltai e andai all'altra porta per scomparire nel bagno. Ho sentito gli occhi dell'uomo concentrarsi sulla mia schiena e sulle mie natiche quasi visibili.


Entrai in bagno e chiusi il rubinetto che avevo già aperto, entrai nella vasca caldissima e mi immersi nel meraviglioso bagliore caldo dell'acqua. Con gli occhi chiusi mi stavo appisolando e dopo un po' si è aperta la porta del bagno. Steven è intervenuto e ha riferito che sarebbe andato a trovare un suo amico e sarebbe tornato tra un'ora o due. Gli ho chiesto se funzionava con il bollitore e ha detto che andava bene. In quel momento non ho pensato alla sua risposta. Ho pensato che il lavoro fosse già fatto. Mi sono lasciato sprofondare nell'ebbrezza del mio bagno. Dopo essermi assopita per un po', staccai la spina dalla vasca e scesi. Mi sono asciugato e mi sono strofinato con una bella lozione per il corpo. Ho preso un asciugamano asciutto e l'ho avvolto intorno al mio busto e sono tornato in cucina a prepararmi una tazza di tè. Mentre il bollitore faceva il suo lavoro, stavo comodamente leggendo un foglio che avevo sul bancone. Improvvisamente ho sentito qualcosa nel corridoio e mentre alzavo lo sguardo dalla lettura, il meccanico è apparso sulla soglia. Fui sorpreso dalla sua apparizione improvvisa e feci un passo indietro con un movimento sorprendente. Il movimento improvviso fece allentare la punta del mio asciugamano e cadde a terra. Mi irrigidii e il meccanico rimase senza parole sulla soglia, ipnotizzato dal mio corpo nudo. Ho visto i suoi occhi scivolare lungo il mio corpo. Prima il suo sguardo si concentrò sul mio seno pieno, poi scivolò sul mio bacino e sulla figa rasata.

Ci è voluto un po' prima che riuscissi a superare il panico, ma poi sono caduto rapidamente in ginocchio e ho afferrato l'asciugamano dal pavimento e poi l'ho tenuto rapidamente davanti al mio busto con entrambe le mani. "Scusa," balbettai. "Non sapevo che fossi ancora qui. Mio marito si è dimenticato di dirlo." Il meccanico sorrise un poco e si avviò arditamente in cucina. "Nessun problema." ridacchiò. "Ho dovuto sostituire qualcosa e tutto funziona di nuovo come dovrebbe." Mentre parlava si era avvicinato a me nel giro di un metro. Mi guardò con uno sguardo imperturbabile da cima a fondo. Mi sono sentito molto imbarazzato solo con l'asciugamano sciolto per la parte superiore del corpo e gli ho chiesto se era pronto ora. "Sì, con il bollitore, posso forse esserti utile altrove?" ha reagito in modo sfacciato. Nonostante l'imbarazzo, mi sono anche sentito stranamente eccitato. È stato anche molto eccitante essere così vulnerabile e quasi nudo in questa situazione. "No grazie". Ho detto "Grazie per il servizio, puoi aiutare te stesso a lasciar perdere se non ti dispiace." L'uomo mi guardò in silenzio per un momento, poi sorrise di nuovo sfacciato. Prese un tovagliolo di carta da sotto il braccio e lo posò sul bancone. Poi prese una penna dal taschino e mettilo "Puoi firmare qui" mi indicò un modulo sulla copertina. Mi voltai senza pensare al bancone e strinsi l'asciugamano con il braccio sinistro contro il mio corpo e presi la penna con l'altra mano per disegnare. Il mio sedere, che era scoperto e quindi nudo, era visibile al meccanico che era mezzo dietro di me. Mentre disegnavo mi irrigidii perché all'improvviso ho sentito la mano del meccanico scivolare tra le mie natiche e le sue dita scivolare tra le mie labbra.

Ho subito provato un senso di vergogna perché nonostante la situazione ero diventato abbastanza bagnato e l'uomo deve averlo notato dalla facilità con cui le sue dita scivolavano tra le mie labbra lisce. Tuttavia, mi voltai ferocemente e dissi ad alta voce. "Ehi!". Tuttavia, quando mi sono girato, l'uomo mi ha tirato via l'asciugamano con la mano sinistra e mi ha subito afferrato tra le gambe con l'altra mano. Questa volta ha subito fatto scivolare le dita dentro di me e ha iniziato a massaggiarmi il clitoride con il pollice. L'altra mano lasciò cadere l'asciugamano e poi iniziò a sentire e ad impastare i miei seni. sussultai per lo stupore; "No, per favore no?" Senza rispondere alla mia richiesta, il meccanico ha continuato a massaggiare e diteggiare. Con mio imbarazzo, ho notato che la mia figa ha reagito diligentemente alle dita e al pollice del cazzo che hanno lavorato duramente sul mio clitoride. Più umido e mi sono sentito diventare più arrapato.

"Per favore, smettila" gli sussurrai piano, l'eccitazione che risuonava chiaramente nella mia voce.

Il meccanico non ha detto nulla, ma mi ha semplicemente guardato con uno sguardo di lussuria e ha continuato a diteggiarsi. Con l'altra mano, a turno, mi strinse forte i capezzoli. Mi vergognavo di godermi quello che mi stava facendo, ma non potevo fare a meno di gemere piano.

Per minuti è andato avanti fino a quando ha finalmente rotto il suo silenzio e ha detto: "Aprimi i pantaloni e tira fuori il mio cazzo". "No" ho detto "non posso." "Fallo" disse e mi strinse forte il capezzolo mentre lo diceva. "Toglimi il cazzo dai pantaloni. Fallo!" Spinto dalla mia stessa eccitazione, ho fatto come mi aveva chiesto e gli ho sbottonato i pantaloni. Gli ho fatto scivolare giù i pantaloni sopra il sedere e anche le mutande. "Prendilo." comandato

lui. Delicatamente ho spostato le mie mani sul suo membro e ho sentito una grande erezione e ho chiuso la mia mano attorno al suo cazzo duro. "Mmmmm" gemette. "Fammi una sega" ordinò. "Va bene" gli sussurrai piano. "Se ti faccio una sega, sarai felice?" L'ho guardato e lui ha riso piano. "Sì piccola, se te Se ti masturbi bene allora sarò molto soddisfatto. Dimmi... ti piace quello che ti sto facendo?" Imbarazzato, chiusi gli occhi perché non potevo guardarlo mentre gli ammettevo che mi piaceva. Lui rise piano e disse: "Dai … fammi sentire quanto è bello che quella tua mano può viziarmi." Tenni gli occhi chiusi e iniziai a masturbarlo, cercando di concentrarmi cercando di masturbarlo il più bene e bene possibile per prepararlo il prima possibile. è diventato sempre più eccitato. L'uomo mi ha toccato meravigliosamente e il meraviglioso massaggio del mio clitoride mi ha fatto muovere involontariamente con il bacino al suo ritmo. Involontariamente mi sono goduto il suo cazzo duro che è diventato più duro nella mia mano.

Improvvisamente il meccanico ha ritirato la sua mano tra le mie gambe e ha staccato la mia mano dai suoi genitali duri. Mi ha spinto delicatamente contro il bancone con le mie natiche e si è avvicinato a me. Con la sua mano ha spinto il suo cazzo duro tra le mie cosce fino a quando la sua testa è finita tra le mie labbra. "Nuovo!" Gli dissi. "Non quello! Non lo voglio!" gli dissi fermamente. Senza prestare attenzione a me, mi ha afferrato i fianchi e ha iniziato a muovere il bacino lentamente e ho sentito il suo cazzo duro iniziare a pompare avanti e indietro tra le mie labbra. Da davanti a dietro tra le natiche e poi di nuovo tra le labbra e il clitoride e di nuovo tra le natiche. "Rilassati" mi ha detto. "Preparami così e ti libererai di me." Ho sentito il palo duro scivolare sempre più facilmente tra le mie natiche e le mie labbra. Ormai la mia figa era fradicia ed ero così terribilmente eccitata che ho smesso di resistere e ho ceduto. Ho stretto le cosce in modo che il suo cazzo rimanesse al suo posto e ho spostato il mio bacino al suo ritmo in modo che il suo cazzo continuasse a scivolare bene lungo la mia vagina e il clitoride. Per minuti ha continuato a scoparmi all'asciutto in questo modo' i lunghi colpi che scivolavano continuamente sul mio clitoride mi hanno fatto impazzire completamente. Nella mia testa si svolse una battaglia frustrante e impari. Volevo farlo venire il prima possibile in modo che questa situazione finisse finalmente e allo stesso tempo non potevo resistere all'enorme eccitazione e piacere che stavo vivendo con tutto ciò.

Poiché ero diventato così eccitato, i miei movimenti diventavano sempre più selvaggi. Mentre la sua testa di cazzo si sfregava di nuovo contro il mio clitoride, ho spostato il bacino un po' troppo e quando ha spinto di nuovo il suo cazzo in avanti, la sua testa di cazzo è rimasta appesa al bordo della mia apertura vaginale per un momento e poi è saltata dentro invece di oltrepassarla. Immediatamente il meccanico ha spinto il resto del suo cazzo duro dentro di me e ha iniziato a scoparmi a ritmo sostenuto. Volevo liberarmi ma non riuscivo a trovare la forza e la motivazione per farlo. La mia figa e la mia eccitazione hanno reagito immediatamente al delizioso cazzo dentro di me e mi sono arreso all'inevitabile. "Mmm oh yeah" gemetti.

"Fottimi allora" sorrise l'uomo. "Va bene tesoro, divertiti." L'ho sentito dire. Tenendomi stretto i fianchi, mi ha scopato con grandi spinte. Mi sono lamentato ad alta voce e mi sono goduto le sue spinte dure e profonde. Dopo qualche minuto ha visibilmente iniziato a sussultare e con il fatto che ho sentito il suo caldo sperma schizzare dentro ho iniziato a sborrare forte sul suo delizioso cazzo. Ho continuato a scopare il suo cazzo fino a quando ho finalmente sentito il mio intenso orgasmo svanire. Dopo che ci siamo ripresi dal nostro climax, ho raccolto l'asciugamano dal pavimento e l'ho avvolto di nuovo intorno a me. Si rimise i pantaloni e afferrò le sue cose. Senza dirci niente, lo seguii fino alla porta d'ingresso e lo feci uscire. Lo guardai sulla soglia ancora per un po', senza rendermi conto che ero lì davanti agli occhi di tutti con solo il mio asciugamano addosso, con un evidente flusso di sperma che scorreva lungo le mie cosce. Poi sono tornato dentro e ho fatto una doccia veloce. Quando Steven è tornato e mi ha chiesto se avevo parlato con il meccanico... aveva bisogno di sapere come è andato a finire il suo gioco.

© The Stringpoint Group

 

bron: Oops.nl

Vorremmo mettere cookie sul vostro computer per aiutarci a rendere questo sito migliore. Questo va bene? NoMaggiori informazioni sui cookie »

ISCRIVITI QUI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti

Crea un account

Creando un account con il nostro negozio, sarai in grado di muoverti attraverso il processo di pagamento più velocemente, memorizzare indirizzi multipli, visualizzare e rintracciare i tuoi ordini nel tuo account e molto di più.

Registrati

Recently added

Non ci sono articoli nel tuo carrello

Totale tasse incl.:€0,00
Order for another €50,00 and receive free shipping