Menu
0
CONSEGNE VELOCI
IL MIGLIOR SERVIZIO
15.000 ARTICOLI DIVERSI
SPEDIZIONE GRATUITA / € 50,-

THE STRINGPOINT GROUP

Notte in cella

Appena prelevato durante una spesa, accusato di assistenza passiva durante una rapina. Sarei stata all'erta... anche se da brava casalinga non sapevo nulla. Deve essere stata un'identità sbagliata, ma i poliziotti che mi hanno strappato dalla strada non hanno ascoltato il mio grido di innocenza. Dopo aver preso a pugni in faccia uno di quegli esibizionisti per pura frustrazione per così tante ingiustizie, sono stato ammanettato e portato alla stazione di polizia, dove ho dovuto consegnare immediatamente tutti i miei oggetti personali. Per due ore rimasi seduto in una stanza ammuffita per gli interrogatori, aspettando il mio turno.

Alla fine ho sentito la porta aprirsi dietro di me, ma mi sono rifiutato di vedere chi entrava. Una calda voce femminile disse che non sarei stata interrogata quel giorno perché tutti gli investigatori erano stati chiamati in servizio. La donna ha detto che era una stagista a cui era stato chiesto di portarmi in una cella dove avrei dovuto passare la notte. Doveva perquisirmi prima.

“Non può essere vero!” gridai, saltando in piedi e girandomi nella sua direzione. “Tutto questo è un grande errore! Non c'è nessuno qui che... Zoe!?"

Non ha risposto. Non ho nemmeno notato alcun segno di riconoscimento, ma l'ho sicuramente riconosciuta! Nella sua uniforme, la figlia dei nostri vicini dall'altra parte della strada sembrava ancora più bella, ancora più elegante... ancora più seducente dell'immagine che avevo di lei che pedalava per la strada con un vestito estivo. Sbalordito dal dover imbattermi in lei tra tutte le persone qui presenti, non ho resistito quando mi ha allungato le mani. Al contrario, ho registrato ogni sua mossa. Il modo in cui mi sentiva era persino piacevole. In effetti, era difficile cogliere ciò che lei evocava in me. Le dita con cui ha esaminato il contenuto del mio reggiseno attraverso il tessuto della mia maglietta mi hanno dato subito una sensazione di eccitazione. Piaccia o no, Zoë stroncò senza sforzo il mio ultimo residuo di resistenza sul nascere. Lottai per non sospirare mentre le sue mani scivolavano lungo l'interno delle mie cosce sotto la mia gonna. Mi sentivo come la cera nelle sue mani e un brivido percorse tutto il mio corpo. Ho quasi fluttuato quando ha passato una mano sulle mie mutandine, sicura e abile.

"Finito!" disse un momento dopo con un sorriso. "Ti sto portando nella tua cella ora."

Avrei dovuto protestare, pensare a casa, chiedere di fare una telefonata... ma non sono arrivato da nessuna parte. In realtà, l'ho seguita arrancando con le gambe tremanti, osservando affascinato i suoi capelli fluenti e l'eccitante, aggraziato ondeggiare dei suoi fianchi e glutei stretti e giovani. Nei sei mesi in cui Zoë ei suoi genitori hanno vissuto di fronte a noi, la bella ragazza aveva attirato la mia attenzione molte volte. Tuttavia, è stato uno shock per me aver fantasticato su quanto sarebbe stato bello se fosse rimasta con me quella notte. Dal nulla ho improvvisamente avuto la sensazione che in quel caso la mia permanenza forzata in cella potesse ancora diventare un'esperienza piacevole, ma sì... Zoë si è comportata in modo così freddo e professionale che non dovevo contare su di esso. Allo stesso tempo, era anche rassicurante. Fantasticare può essere divertente, ma ero una donna perfettamente sposata e farei meglio a mantenerla così.

Il lettino in metallo duro con il materasso troppo sottile, il cuscino che puzzava di muffa e il lenzuolo di cotone abrasivo non erano favorevoli a una buona notte di sonno. Per non parlare della mia preoccupazione per l'ansia di mio marito perché quella sera non sarei stata a casa. Tuttavia, quella preoccupazione svanì rapidamente in secondo piano quando, dopo un lungo periodo di agitazioni e rigiramenti irrequieti, la porta della cella si aprì delicatamente. Nel debole bagliore della luce notturna nel corridoio, riconobbi subito i contorni della mia ragazza della porta accanto. Altrettanto dolcemente e lentamente la porta si richiuse e notai che stava seguendo la sua strada. Potevo dire dai suoi passi strascicati che si stava fermando in cima alla cuccetta. All'improvviso la sua testa era vicina alla mia. Il suo respiro mi accarezzò le guance mentre mi sussurrava che si era dimenticata dell'esame interno quella sera.

"Cosa ne pensi di me?" Sono un po' stordito. "Sembro un mulo della droga o qualcosa del genere?" Volevo riprendermi con rabbia, ma 2 mani forti tenevano le mie spalle ben premute sul letto. "Voglio andare a casa! Mio marito non sa dove sono!"

“Calmati, Brenda..! Ho chiamato tuo marito. Bart sa che devi restare qui finché non verrai interrogato. A proposito, quell'indagine interna è solo di routine. Non hai davvero niente da temere. Donne tra loro, lo sai. Non ho intenzione di farti del male".

«Ha chiamato il mio nome e quello di mio marito», mi ronzava la mente. «Così dopo tutto mi ha riconosciuto.» Un'osservazione che bastò a tenerla sdraiata obbediente, e le sue mani scomparvero presto dalle mie spalle. Dietro di me ho sentito il fruscio della stoffa che veniva tirata fuori. Prima che mi rendessi pienamente conto di cosa stava succedendo, il lenzuolo volò via da me. Pochi secondi dopo, Zoë mi ha tirato la maglietta fino al mento e subito dopo, le sue dita hanno graffiato con forza la tenera carne dei miei seni. All'inizio volevo protestare, ma quando si è chinata su di me e ho sentito il mio capezzolo destro circondato dalle sue labbra morbide, la mia protesta si è sciolta come neve al sole. Un gemito involontario mi sfuggì quando iniziò a girare la sua bella lingua calda intorno e sopra il mio capezzolo che si stava rapidamente indurendo. Improvvisamente ho sentito uno dei suoi grandi seni, che ho segretamente ammirato per tante volte, strofinarsi contro la mia guancia.

Mi girava in testa. Vent'anni di matrimonio, vent'anni di esistenza eterosessuale e monogama furono improvvisamente messi a repentaglio, solo da alcune tenere leccate e dal seno di una ragazza morbida che mi accarezzava la guancia.

"Nemmeno una parola su questo a Bart", mi sentii balbettare.

Ancora sorpresa dal fatto che mi arrendessi così facilmente, mi assicurò in un sussurro che mio marito non l'avrebbe mai sentita. Con ciò, ha abbattuto la mia ultima barriera ed è stata più forte di me mentre le afferravo il seno con entrambe le mani e lo portavo alla bocca. Da brava studentessa, ho seguito l'esempio di Zoe succhiando vigorosamente la sua punta dura tra le mie labbra.

“Oh sì…” disse, seguito da un profondo sospiro, che mi fece capire che andava tutto bene. Sdraiato sulla mia schiena e lei era china su di me dalla testiera, ci siamo leccati, succhiati e accarezzati i seni l'uno dell'altro che era una dolce delizia e allo stesso tempo la lussuria eccitata che evocava in me diventava sempre più forte. Fu solo dopo molto tempo che le sue dita si abbassarono, accarezzandomi lo stomaco e scivolando sotto il tessuto delle mie mutandine, che mi ricordai di quell'esame interno pre-programmato. Tuttavia, la ricerca...? Allora perché è andata alla ricerca del mio clitoride in modo così enfatico e soprattutto... Perché ci hai fatto così tante prelibatezze, una volta trovato il mio bottone? Ma vabbè, non mi importava. In un modo inspiegabile, mi sono sentito così incredibilmente a mio agio con lei. Allo stesso tempo, ero così eccitata e così eccitata che poteva fare qualsiasi cosa con me. Penso che Zoe potrebbe seguire il mio filo di pensiero, mentre ha risposto accarezzando delicatamente la mia femminilità piuttosto eccitata con il palmo della mano. Bruciando dal desiderio, premetti il ​​mio epicentro caldo contro la sua mano, sperando che mi facesse sua con dita penetranti.

L'ho sentita ridacchiare dolcemente ma chiaramente per tanta lussuria non mascherata, ma non mi ha dato la mia strada. La sua mano scivolò lungo le mie labbra e all'improvviso sentii la punta di un dito esplorare le minuscole squame intorno alla mia stella. Tuttavia, lo ha fatto in modo così eccitante e così tenero che non ho nemmeno pensato di resistere mentre la punta del suo dito combatteva contro il mio sfintere. Mi sono costretto a rilassarmi e ci sono riuscito. Immediatamente una falange scivolò nel mio canale oscuro. Mi preparai a quello che sarebbe successo, ma poi Zoë inaspettatamente ritirò il dito. La sua mano scivolò di nuovo sulle mie labbra, questa volta in alto, i miei culi di nuovo fuori.

«Sii gentile con me, Brenda. Allora ti amo…”

"Hmm"

"Fantastico... Allora togliti quei pantaloni e alzati un po', così puoi esaminarmi allo stesso tempo."

Non appena ebbi finito quello che mi aveva detto di fare, Zoë mi scivolò accanto con quel suo bel corpo.

Le mie fantasie intime più sfrenate si sono avverate quando ci siamo abbracciati profondamente. Tanta morbida nudità, tanto calore, tanto... donna. Non appena ha premuto la sua bocca sulla mia, ci siamo lanciati in un rovente bacio alla francese. Un bacio incredibilmente caldo in cui entrambi mettiamo il nostro desiderio l'uno per l'altro. Ha baciato così bene, e nel frattempo ha guidato le mie dita tra le sue cosce divaricate. Le sue labbra erano morbide come il velluto, ma allo stesso tempo molto calde e umide.

"Vai avanti," disse Zoe, interrompendo per un momento il nostro bacio infuocato, ma presto si impossessò di nuovo di tutta la mia bocca.

Improvvisamente la sua mano era lì e ora è successo quello che volevo molto prima. Due dita desiderose scivolarono senza sforzo nella mia caverna brama. Per me il segnale per darle anche ciò che desiderava.

Un primo caldo brivido percorse tutto il mio corpo quando iniziò a muovere le dita a un ritmo lento. Allo stesso tempo sapevo che quella sarebbe stata una notte che sarebbe rimasta con me per il resto della mia vita. Voluttuoso e contorto dal desiderio, strinsi il mio corpo contro il suo. Molto più velocemente di quanto avrei mai potuto immaginare, mi ha mandato al settimo cielo. Un momento di estasi come non avevo mai vissuto prima e allo stesso tempo ho capito che all'improvviso questa notte in cella non mi dispiaceva più.

© The Stringpoint Group

 

bron: Oops.nl

Vorremmo mettere cookie sul vostro computer per aiutarci a rendere questo sito migliore. Questo va bene? NoMaggiori informazioni sui cookie »

ISCRIVITI QUI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti

Crea un account

Creando un account con il nostro negozio, sarai in grado di muoverti attraverso il processo di pagamento più velocemente, memorizzare indirizzi multipli, visualizzare e rintracciare i tuoi ordini nel tuo account e molto di più.

Registrati

Recently added

Non ci sono articoli nel tuo carrello

Totale tasse incl.:€0,00
Order for another €50,00 and receive free shipping