Menu
0
CONSEGNE VELOCI
IL MIGLIOR SERVIZIO
15.000 ARTICOLI DIVERSI
SPEDIZIONE GRATUITA / € 50,-

THE STRINGPOINT GROUP

Due fighe bagnate al sole

Una mano fu subito data. Quelle persone non mi interessavano affatto. Monica, così si chiamava la figlia, era già lubrificata. Quello stava pattinando sulla strada vicino a casa nostra. Con una bottiglia grande di crema solare sono partito per il giardino. L'acqua della piscina sembrava allettante, ma prima volevo prendere il sole per un'ora. Peccato che quelle persone fossero lì, ora dovevo tenermi il bikini. Il giardino era circondato da un'alta recinzione contro gli spettatori, ma dal soggiorno si vedeva tutto attraverso le porte scorrevoli aperte. Ero appena dieci minuti nell'erba quando Monica apparve sulla terrazza. Era carina per i suoi tredici anni. Lunghi capelli biondi mossi dal vento intorno a un viso dolce con grandi occhi azzurri. Gambe abbronzate scure con mazze per le ginocchiere uscivano da sotto una gonna bianca come la neve. Ora penso di non essere affatto lesbica. Ho avuto un sacco di ragazzi. Ma Monica mi ha fatto qualcosa. Ho sentito un leggero tremito allo stomaco. 'Ciao', disse, 'sei sicura Elly?' Ho annuito. Gettò i pattini in linea, che teneva in mano, nell'erba e si sedette accanto a me, le ginocchia tirate. Ho intravisto uno slip di cotone azzurro. "Quindi sei Monica?" "Chiamami Mona, è così che mi chiamano tutti." Si guardò intorno. «Grande piscina, dico io. Ma a parte questo qui è solitario, non si vede un pollo per strada». Ho cominciato a spiegare che il villaggio più vicino era a quattro chilometri di distanza quando si sono presentati i miei genitori. Volevano mostrare ai loro ospiti la zona e se andassimo con loro? Mona mi guardò e fece una faccia sporca, gli angoli della bocca rivolti verso il basso. "Preferirei restare qui perché ho visto tutto", dissi, "forse anche Mona preferirebbe andare a nuotare". Monica si alzò di scatto. "Sì, molto piuttosto!" Bene, ma poi dovevamo prendere noi stessi qualcosa dal frigo da mangiare, perché loro avrebbero mangiato in città.

Non appena tutti se ne sono andati, ho sbottonato la parte superiore del mio bikini, perché mi piace abbronzarmi ovunque. Monica non ha dato più di una rapida occhiata al mio seno, poi ha continuato a parlare delle vacanze, della sua scuola e del cane che avevano dovuto mettere in un canile perché non ci si poteva fidare di lui con i bambini. Ho chiesto se anche lei non voleva prendere il sole. Esitò per un momento, poi si tolse la camicetta. Non indossava un reggiseno, né ne aveva bisogno. Le sue tette erano piccole ma ben modellate e dotate dei capezzoli rosa più carini che si possano immaginare. Ho preso dei cuscini da una sedia da giardino e li ho messi nell'erba davanti a lei. Si è tolta le ginocchiere e io speravo tranquillamente che si sarebbe tolta anche i suoi pantaloncini bianchi e spogli e forse... non sapevo come avrebbe reagito, ma ho deciso di provarci. «Di solito prendo il sole completamente nuda. Ti dispiace se io...? Dopotutto, siamo ragazze tra di noi.' «Solo se posso», disse. Mi sono tolto lo slip del bikini e l'ho posato sull'erba accanto a me. Ho visto una piccola macchia bagnata e questo non mi ha sorpreso, perché ero piuttosto eccitato da lei.

Mona si alzò, si tolse velocemente i pantaloncini e si infilò le mutandine blu. Per un momento ho avuto la possibilità di vedere la sua figa. Giaceva dolce e aperta e perfettamente formata tra le sue cosce sottili, completata da una sfumatura incipiente di minuscoli peli biondi ricci. L'ho preso abbastanza bene ora. Non posso fare a meno di sentire la mia figa. Sì, ero davvero bagnato ora. Mona ha visto cosa stavo facendo. Ha fissato la mia figa per un momento e me lo stavo immaginando, o un sorriso le è scivolato sul viso? Poi si sdraiò a pancia in giù, la testa sulle braccia. "Mmm, bel tempo, bel sole..." disse. Non riuscivo a staccare gli occhi da lei. Aveva un bel culo rotondo ei lunghi capelli le scendevano lungo la schiena, lucenti come l'oro, quasi fino alla vita sottile. Involontariamente i miei pensieri tornarono a quella mattina in piscina, anni fa, quando fui toccato per la prima volta da una liceale. Allora dovevo avere la stessa età di Mona adesso. Quell'esperienza all'inizio mi aveva confuso, ma poi fui felice che fosse successo. Mi aveva messo sulle tracce di tutte quelle ore meravigliose che ho passato a masturbarmi da allora. E non ci volle molto prima che sentissi il primo ragazzo tra le gambe. Eppure ero quasi certo che non avrei mai osato fare a Mona ciò che era stato fatto a me allora. Non ho avuto altre esperienze con le ragazze. Ma quanto mi piacerebbe... solo per un momento, accarezzare quella seducente creatura accanto a me...

"Non vuoi strofinarmi la schiena?" disse Mona. 'Sì, ​​naturalmente. A patto che tu mi dia un turno dopo.' L'ho tirato fuori prima che me ne rendessi conto. Come l'avrebbe presa? Ma ha detto innocentemente che l'avrebbe fatto di certo se mi fossi sbrigato ora, perché non voleva bruciare. Nel frattempo, ero in fiamme dal momento in cui si è tolta le mutandine! Raccolsi la bottiglia e mi strinsi una buona linea di olio sulle dita. Ho massaggiato la roba liscia nella sua schiena. La sua pelle era ancora più morbida di quanto immaginassi. Mona gemette piano mentre le strofinavo le spalle. Ha allungato le braccia e quando mi sono chinata per strofinare anche loro, i miei capezzoli sono scivolati lungo la sua schiena per un momento. Ora ho visto davvero un sorriso a Monica! Mi rendeva nervoso, desideravo ardentemente lei. Mi sono girata in modo da poterle fare le gambe. Starebbe bene con me se io...? Solo ai lati, o anche nello spacco? Lo avrebbe permesso o sarebbe saltata in piedi e sarebbe scappata? Ho iniziato ai suoi piedi, dita dei piedi uno alla volta, tra le sue dita. Mi sarebbe piaciuto baciarle e succhiarle le dita dei piedi, ma il minimo che potevo fare era massaggiare delicatamente quelle dita. Speravo che le sarebbe piaciuto tanto quanto me. Poi su per i polpacci, la dolce curva delle cosce, sempre più vicino al suo sedere. Nervosamente ho spruzzato un nuovo carico di lozione sulla mia mano e ho iniziato a lavorare il suo sedere, prima i lati e poi massaggiando lentamente verso l'interno, tra la sua fessura...

"Mmmm, lo stai facendo proprio come Carolien", ha detto Mona. "Carolina?" «Sì, amico di scuola. Mi fa sempre sentire così bene ovunque. Mi prende sempre in giro un po'.' 'In che modo vuoi dire?' "Beh lo sai. Mi mette una mano tra le gambe e gioca un po' con me. A volte penso che sia lesbica, ma dice che le piacciono anche i ragazzi. Penso che Caroline ti piacerà molto». 'Lo penso anch'io! Sicuro!' Non potevo credere alle mie orecchie. Mona si è lasciata toccare da una ragazza? Mi sono sentito al settimo cielo. La prospettiva del sesso continuava a migliorare! Se non riuscissi a prendere un cazzo duro dentro di me, la lingua di Mona sarebbe altrettanto gustosa. Ho le vertigini per il desiderio arrapato. Ho messo di nuovo alcune gocce di olio sulla mia mano e l'ho strofinato sulle sue natiche. Mentre le mie dita scivolavano nella sua fessura, Mona allargò le gambe. Lentamente ho esplorato l'interno della fessura del suo culo fino a quando la punta del mio dito ha toccato il suo stretto buco del culo. Il mio cuore batteva così forte che sono sicuro che lei potesse sentirlo. Ho abbassato la mano e ho steso la lozione all'interno delle sue cosce. Trattenendo il respiro, ho fatto scorrere un dito lungo la sua figa. Era così morbida, le sue labbra della figa erano delicate come petali di fiori... dovevo trattenermi con tutte le mie forze o l'avrei penetrata.

Adesso avevo avuto tutto dal suo corpo. Tutto era ricoperto di crema solare. Qualsiasi cosa farei adesso equivarrebbe a molestare un minorenne! Nel momento in cui mi ha colpito, Mona si è girata e mi ha sorriso. Lei stese le braccia. "Ora è il mio front-end!"

"Ti piace quando la tua ragazza gioca con te?" Ho chiesto. "Lo adoro," disse, chiudendo gli occhi. 'Ci si sente così bene! Semplicemente fantastico!' «E giochi mai con lei? Capisci cosa voglio dire, vero?' 'Sicuro. Ma la maggior parte delle volte lascio che Caroline faccia a modo suo. Tutto ciò che vuole è infilarmi le dita dentro». Ridacchiò e si mise una mano tra le gambe. Si è strofinata la figa. Ho guardato affascinato. «Carolien dorme spesso nei fine settimana. Quando mia madre va a letto, stiamo svegli e guardiamo la TV. A Carolien piace giocare con me, quindi stiamo sdraiati sul divano e lo facciamo per molto tempo.' "Tua madre ti ha mai beccato?" «Sì, una volta dopo la scuola. Carolien era nella mia stanza e mia madre è tornata a casa presto ed è venuta nella mia stanza mentre eravamo occupati». "Occupato con cosa?" Ho chiesto. La mia figa era andata in tilt. "Eravamo a letto e Carolien aveva la sua mano nei miei pantaloni." "Tua madre era arrabbiata?" "All'inizio lo faceva, ma poi ci ha detto di stare attenti". 'Con attenzione?' "Beh lo sai. Se volevamo sperimentare dovevamo farlo insieme e non con i ragazzi. Perché così puoi rimanere incinta.' "Quindi hai continuato ad andare?" 'Sì. Carolien ha detto che potevamo fare qualsiasi cosa ora e si è tolta i pantaloni e ha giocato con me per molto tempo. È stato davvero pazzesco!' Mona si toccò di nuovo la figa. Mi chiedevo se si fosse resa conto di quanto mi stesse facendo eccitare. Il mio gatto ha giocato così tanto che ho dovuto stringere le gambe insieme.

Ho fatto un respiro profondo, ho spruzzato di nuovo olio sulle mie mani e le ho appoggiate sul suo stomaco. Per prima cosa le ho strofinato i fianchi e i fianchi. Le dispiacerebbe se le toccassi il seno? Avvicinavo le mani sempre più a quelle belle tette rotonde. Avevo già avuto il suo culo e brevemente la sua figa. E ha detto che la sua amica lo faceva regolarmente. Quindi perche no? Come se fosse la cosa più naturale del mondo per le ragazze tra di loro, le strofinavo i seni con le mie mani scivolose. I suoi capezzoli sono diventati dei duri pomelli sotto le mie dita impazienti.

Mona sorrise. "È davvero bello!" Strofinando i suoi seni e la pancia piatta, i miei occhi si spostarono su quel punto seducente tra le sue gambe. La mia mano è scesa e ho giocato con il soffice verso il basso per un momento. Le ho strofinato l'interno delle cosce. Chiuse gli occhi e allargò le gambe, come per dirmi di andare avanti. Lentamente ho alzato la mano fino a toccarla. Ho dovuto prenderla con calma per non spaventarla, quindi l'ho strofinata molto leggermente, quel tanto che basta per applicare l'olio. La sua risposta fu un debole gemito e allargò le gambe ancora di più.

Ora ho messo la mia mano sulla sua figa e l'ho accarezzata delicatamente mentre il mio dito medio scivolava lungo la sua fessura. Poi ho infilato il mio dito un po' più a fondo tra le sue labbra. Era così calda e bagnata e ha risposto premendo contro la mia mano. Ho guardato il suo viso mentre il mio dito è scomparso dentro di lei. L'altra mano era già impegnata tra le mie gambe.

Mona aprì la bocca e sospirò. Una mano si alzò per giocare con il suo capezzolo. Poi ha girato la testa per potermi guardare mentre mi masturbo. A quel punto, penso che entrambi sapevamo che saremmo venuti insieme. Ha messo la sua mano sulla mia e ha giocato con le mie dita che scivolavano dentro e fuori dalla mia figa. "Adoro farlo anch'io", ha detto. "Lo faccio molto spesso." Stavo per accelerare il ritmo quando all'improvviso ha detto: "Posso darti una svolta ora?" Un altro mezzo minuto e ci avrei preparati entrambi. Ma mi sono fermato e con riluttanza ho rimosso il mio dito dalla sua figa. «Va bene, Mona», dissi. Mi sdraiai sulla schiena e annusai il mio dito. Un'ondata di caldo desiderio attraversò il mio corpo mentre inspiravo il suo profumo. Si inginocchiò accanto a me, una buona dose di crema solare sui palmi di entrambe le mani. 'A cosa stai pensando?' lei chiese. «Per un film che ho visto una volta. Ha suonato in Giappone. Una ragazza è venuta per un massaggio da una geisha, e sai cosa ha fatto? Prima si è imbrattata e poi si è sdraiata sulla ragazza per trasferirle l'olio".

Mona ci pensò un momento. 'Wow, sembra fantastico! Posso farlo con te, Elly?' "Questo è esattamente quello che speravo", ho detto, il mio cuore in gola.

Si inginocchiò tra i miei piedi, si spalmò l'olio sui seni e diede un'altra stretta alla bottiglia per spruzzarle un nuovo carico. Quando ebbe steso bene lo scivoloso, strisciò in avanti finché le sue tette lucide non galleggiarono sopra i miei fianchi. Si abbassò e cominciò a scivolare lentamente avanti e indietro per distribuire la lozione sul mio stomaco con i suoi seni. "Qualcosa del genere?" mi chiese sorridendomi.

"Proprio così, tesoro." Il mio respiro si accelerò quando i nostri capezzoli si toccarono e il suo seno tenero premette contro il mio.

"Cosa hanno fatto quei due dopo... in quel film intendo?" "Beh, si sono baciati," dissi, guardandola dritta negli occhi azzurri. "Anche io e Carolien ci baciamo." Ha tirato i fianchi finché le nostre fighe non si sono premute l'una contro le cosce dell'altra. Non ha fatto alcuno sforzo per nascondere che stavo scopando sulla mia gamba. Ho faticato a pronunciare un'altra parola. Ho avvicinato il suo viso al mio e ci siamo baciati a lungo e in profondità, cavalcando l'uno sulle cosce dell'altro con fighe fradice. I suoi lunghi capelli biondi mi cadevano sul viso e il suo profumo era inebriante. La nostra masturbazione reciproca divenne sempre più intensa e in appena un minuto arrivammo entrambi in rapida successione. Ho sentito il suo succo caldo scorrere lungo la mia gamba mentre il suo corpo tremava e si irrigidiva. La sua testa cadde all'indietro e strinse forte gli occhi, premendo la figa contro la mia coscia più forte che poteva. Allo stesso tempo, spinse la gamba verso il basso. La mia figa si strinse per il puro piacere e un brivido mi percorse. Ora era il mio turno di spruzzarle la gamba con il succo di figa.

Ci volle un po' prima che entrambi potessimo respirare di nuovo normalmente. Ci siamo riposati l'uno nelle braccia dell'altro prima di saltare in piscina. Avevamo ancora un intero weekend davanti a noi!

© The Stringpoint Group

 

bron: Oops.nl

Vorremmo mettere cookie sul vostro computer per aiutarci a rendere questo sito migliore. Questo va bene? NoMaggiori informazioni sui cookie »

ISCRIVITI QUI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti

Crea un account

Creando un account con il nostro negozio, sarai in grado di muoverti attraverso il processo di pagamento più velocemente, memorizzare indirizzi multipli, visualizzare e rintracciare i tuoi ordini nel tuo account e molto di più.

Registrati

Recently added

Non ci sono articoli nel tuo carrello

Totale tasse incl.:€0,00
Order for another €50,00 and receive free shipping