Menu
0
CONSEGNE VELOCI
IL MIGLIOR SERVIZIO
15.000 ARTICOLI DIVERSI
SPEDIZIONE GRATUITA / € 50,-

THE STRINGPOINT GROUP

Abito bagnato trasparente

Finalmente le vacanze!! Corsi fuori dalla scuola e tornai velocemente a casa in bicicletta. Lungo la strada mi sono imbattuto di nuovo in quel fastidioso ragazzo della mia classe. Aveva 17 anni come me. "Sei una ragazza così calda" mi gridava sempre, "posso toccare i tuoi bei seni rotondi? Posso guardare sotto la tua gonna?". Per fortuna sono tornato a casa velocemente e sono corso dentro. Ero pronto per le vacanze di questa settimana. I miei genitori sono andati a Parigi insieme per 7 giorni, quindi sono stato a casa tutta la settimana con mio fratello minore, Lucas. I miei genitori erano pronti a partire con tutte le loro valigie, quindi ho detto addio e gli ho augurato ogni bene. Finalmente tutto l'impero per me. Il tempo era bello e caldo così ho deciso di prendere il sole in giardino. Ho buttato tutti i miei vestiti in lavatrice e mi sono messo il bikini. Comunque ero a casa da solo, quindi mi sono tolto il top. Non so se fosse perché ero così stanco da scuola o se fosse il caldo, ma mi sono addormentato. Quando Lucas è entrato di corsa in giardino piangendo, mi sono svegliato di soprassalto. Era fradicio per aver partecipato a una lotta in acqua ed era coperto di sabbia. Ho subito messo una camicetta e l'ho aiutato a cambiarsi. Ho gettato i suoi vestiti sporchi bagnati nel bucato. Il cesto della biancheria era completamente pieno, quindi ho messo tutto in lavatrice. L'ho acceso e subito ho sentito un forte botto, la lavatrice si è fermata e non riuscivo più ad aprirla. Ce l'ho di nuovo, che macchina di merda. Domani chiamo la ditta di lavatrici e mi sdraio di nuovo in giardino. Anch'io me la sono presa con calma tutto il giorno. Il giorno dopo sono stato svegliato da Lucas che gridava "Denise!" tutto il tempo. chiamato. Ho dovuto aiutarlo a fare la doccia. Poi mi sono fatto una doccia io stesso. Dopo essermi asciugato volevo vestirmi ma tutti i miei vestiti erano in lavatrice. Dalle mie infradito ai miei calzini. Ho visto solo un vecchio vestito nell'armadio. Era bianco e di un tessuto molto sottile, credo anche un po' trasparente. Purtroppo non c'era nient'altro per questo, quindi l'ho indossato. Fortunatamente oggi è stata una giornata più bella di ieri, quindi non avrei avuto freddo. Il mio vestito era in realtà un po' troppo corto, ma non avevo intenzione di andare da nessuna parte. Nel pomeriggio Lucas è entrato dopo aver giocato fuori con i suoi amici tutta la mattina. Era annoiato perché tutti andavano in spiaggia con i genitori per rinfrescarsi. Voleva che giocassi con lui, continuava a piagnucolare. Mi ha fatto impazzire, quindi ho accettato. Dovevo essere il truffatore e lui doveva essere la polizia e io dovevo nascondermi e lui doveva prendermi. Mi sdraiai sotto il mio letto, ma presto mi trovò. Mi fece andare al gabinetto che fungeva da cella. Ma dopo qualche secondo sono uscito di nuovo a prendere il sole in giardino. Venne freneticamente verso di me e gridò che ero scappato e dovevo essere legato. Decise di legarmi al tavolino da caffè in soggiorno. Quindi mi sdraio lì con la gamba sinistra sulla gamba sinistra e la gamba destra sulla gamba destra. Voleva anche tenermi le braccia per la parte superiore delle gambe, ma non volevo. Allora non potrei andare da nessuna parte. Si è arrabbiato e ha quasi iniziato a piangere, non lo volevo quindi mi sono arreso. Ora sono sdraiato lì con le braccia e le gambe legate alle quattro gambe. "E adesso?" Ho chiesto. "Devi restare qui tutto il pomeriggio!" lui pianse. Ho provato a liberarmi ma mi ha comunque assicurato molto bene. Si è seduto lì con la sua pistola ad acqua puntata verso di me, avvertendo che mi avrebbero sparato ad ogni mossa. Ho pensato che stesse bluffando e ho cercato di liberarmi il braccio. Improvvisamente mi sparò in faccia e l'acqua gocciolava dal tavolo. Ho deciso di aspettare che si arrendesse. Le gambe del tavolo erano ciascuna ad almeno 1,5 metri di distanza, in modo che le mie gambe fossero ampiamente divaricate. Dopo un po' ho sentito un po' di umidità, ma questa volta non ha sparato. Era perché era fluido che gocciolava dalla mia figa. Si era bagnato fradicio lì. Mi ha appena fatto eccitare. All'improvviso suonò il campanello, era un amico di Lucas che era tornato a casa. Ha chiesto se poteva venire a giocare fuori, ma Lucas ha detto di guardarmi. Il ragazzo voleva aiutare ed è entrato. Ero sdraiato lì con due ragazzi intorno. Mi sembrava molto più vecchio Lucas. A un certo punto si è seduto esattamente sulla sedia che stava su entrambe le gambe davanti a me. Quindi aveva una vista della mia enorme figa bagnata. Ho detto a mio fratello che pensavo fosse abbastanza e volevo liberarmi. Lucas la pensava diversamente e mi ha sparato addosso un carico d'acqua, ma questa volta verso il mio seno e la mia figa. Poiché il mio vestito era bianco e anche molto sottile, si vedeva tutto attraverso. Il ragazzo mi stava guardando fino in fondo, i miei capezzoli chiari e eretti che spingevano attraverso il mio vestito e la mia figa lucida.

Volevo davvero uscire da lì e tirare più forte che potevo, ma ancora una volta senza successo e seguito da un bombardamento d'acqua, questa volta ha sparato solo con l'intera pistola a vuoto in modo che tutto il mio vestito fosse ora bloccato attorno a tutto il mio corpo. Potresti davvero vedere tutto il mio corpo nudo ora. Ora ho fatto un ultimo tentativo disperato perché non potevo più bagnarlo, ma di nuovo senza successo. Il ragazzo ha detto che dovevo essere punito per aver cercato di liberarmi e Lucas ha acconsentito. Il ragazzo ha preso uno strofinaccio e me lo ha legato intorno alla testa, così non potevo più vedere niente. Poi mi sono messo le cuffie in testa e con la musica ad alto volume in modo da non poter più sentire nulla. Sono stato davvero abbandonato al destino ora, non posso muovermi, non sentire nulla e non vedere nulla. Il ragazzo ha detto a Lucas di sdraiarsi qui tutto il pomeriggio e sono usciti di nuovo. I ragazzi avevano lasciato la porta aperta quando se ne sono andati, quindi c'era molta corrente d'aria in soggiorno, non lo sapevo e pensavo che fossero ancora intorno a me. La musica che mi è arrivata alle orecchie non era male e non so se è per il ritmo della musica o per il vento che soffia sul mio corpo bagnato o se non avevo idea di cosa stesse succedendo intorno a me, ma Stavo diventando sempre più eccitato. Mentre ero lì sdraiato per un po', il telefono aveva già squillato 10 volte. Quindi quella era una mia amica, Wendy, che voleva chiedermi di andare a fare shopping. Sapeva che ero a casa da sola e quindi non riusciva a capire perché non rispondevo. Pensava che mi fosse successo qualcosa e decise di andare da me. Così, poco dopo, suonò il campanello, di cui ovviamente non sapevo nulla. Wendy chiamò di nuovo e vide che la porta era aperta ed entrò nel soggiorno. È rimasta scioccata quando mi ha visto legato e ha voluto slegarmi subito. Ma poi ho visto il mio seno che spuntava dritto in avanti quasi attraverso il vestito con capezzoli ancora più rigidi. I suoi occhi sono poi scivolati sulla mia figa e ha visto che il mio labbro era tutto incollato al vestito. Wendy capì che non sapevo nulla della sua presenza a causa del mio canovaccio e delle cuffie in testa. Si è anche arrapata molto quando si è resa conto di quanto potere avesse. Poi mi ha toccato dolcemente. Questo ha mandato uno shock attraverso il mio corpo, pensavo che i ragazzi ne avessero avuto abbastanza e mi avrebbero slegato, ma poi i bottoni del mio vestito si sono sbottonati e mi hanno strappato via. Ora me ne stavo lì completamente nuda e sentivo alcune mani sui miei seni. In realtà volevo urlare che smettessero, ma mi ha fatto eccitare e mi è piaciuto molto. Lentamente le mani caddero e scivolarono sul mio clitoride. Mi è piaciuto molto e mi sono lamentato dolcemente. Quindi Wendy è andata avanti e ha messo due dita nella mia figa, ho risposto gemendo ancora più forte e lei ha aggiunto un altro dito e ha iniziato a muoverlo lentamente avanti e indietro, mentre Wendy mi massaggiava i seni con l'altra mano ei miei capezzoli erano più rigidi che mai. Non sapevo cosa mi fosse successo. Ha iniziato a muoversi sempre più velocemente e io gemevo e urlavo sempre più forte, il mio corpo ha iniziato a tremare e i miei muscoli si sono irrigiditi sempre di più. Sussultai e sbuffai e sentii il mio corpo sul punto di esplodere. Ho urlato ai ragazzi di andare sempre più veloci, il che era un segno per Wendy che poteva davvero fare qualsiasi cosa impunemente. Ora si stava toccando così forte che la mia figa era molto bagnata e l'arrapata si stava riversando. Più veloce, più veloce, più veloce e più veloce. "Aaahhhhhhhhhh!!" Ho urlato. E poi.... Un'esplosione! Sono venuto duro, non ho mai avuto un orgasmo così bello. Wendy era esausta e cadde a terra. Abbiamo dovuto recuperare. Poi sono stato rilasciato e ho aperto gli occhi e poi sono rimasto scioccato quando ho visto Wendy. "Tu????", chiesi sorpreso. Ho rimesso il vestito bagnato fradicio, il che era inutile perché era il più trasparente possibile. Ho chiesto dove fossero i ragazzi e cosa ci facesse Wendy qui. Wendy ha raccontato tutto e poi l'ho ringraziata. Ho quindi proposto di ribaltare la situazione ora e anche Wendy voleva una svolta così bella e ha acconsentito..

© The Stringpoint Group

 

bron: Oops.nl

Vorremmo mettere cookie sul vostro computer per aiutarci a rendere questo sito migliore. Questo va bene? NoMaggiori informazioni sui cookie »

ISCRIVITI QUI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti

Crea un account

Creando un account con il nostro negozio, sarai in grado di muoverti attraverso il processo di pagamento più velocemente, memorizzare indirizzi multipli, visualizzare e rintracciare i tuoi ordini nel tuo account e molto di più.

Registrati

Recently added

Non ci sono articoli nel tuo carrello

Totale tasse incl.:€0,00
Order for another €50,00 and receive free shipping