Menu
0
CONSEGNE VELOCI
IL MIGLIOR SERVIZIO
15.000 ARTICOLI DIVERSI
SPEDIZIONE GRATUITA / € 50,-

THE STRINGPOINT GROUP

Sesso a tre con una coppia

Dopo l'ultima sera, ci avevo preso gusto. Per questo motivo avevo programmato qualcosa di diverso per stasera: una coppia. Secondo la foto, lei era carina e lui era normale, non ho gusti in fatto di uomini. Ci siamo scambiati i desideri e ciò che avremmo voluto e non voluto. Voleva una doppia penetrazione e succhiare mentre veniva scopata. Voleva stare con un uomo per la sua ragazza, ma è rimasto vago al riguardo. Ho indicato che volevo essere succhiata mentre venivo scopata. Eravamo tutti d'accordo e questo sarebbe accaduto stasera. Mi sono reso conto che è di nuovo un po' eccitante, quando ci sono andato in macchina. Avevamo già parlato brevemente al telefono e avevamo avuto qualche contatto per posta. Sono stato invitato a casa loro e ho guidato fino al quartiere. Prima di rendermene conto ero alla porta e suonai il campanello. Ciao, benvenuto, entra. Lara mi diede una mano e mi tirò a sé, mi diede un bacio sulla bocca e mi leccò le labbra. E mi fece un occhiolino eccitato. Oh cielo, questo promette qualcosa, pensai tra me e me. Mick mi diede la mano e mi offrì da bere. Ho chiesto cosa stessero bevendo e Mick ha bevuto una birra e Lara un vino bianco. Ho detto: "Dammi un vino bianco". E ho chiesto a entrambi: "Hai bevuto o è una cosa quotidiana?". Mick sputò quasi il suo sorso di birra. E ho capito che non l'avevano mai fatto prima. Beh, ho avuto la mia prima esperienza con un appuntamento di sesso qualche tempo fa, ma solo con un uomo, lo ammetto. Quindi con una coppia è la prima volta per me, non ho mai fatto una cosa a tre prima d'ora. Una volta l'abbiamo fatto, ha detto Lara, ma con una donna, ha aggiunto Mick. Dopo aver chiacchierato e bevuto un po', mi hanno portato di sopra. Prima Mick, poi io e Lara. Avevano una grande camera da letto e si erano chiaramente preparati, c'erano asciugamani, lubrificante e un sacco di altre cose per fornire un po' di varietà, se ci fossimo annoiati. Cosa che dubitavo fortemente sarebbe accaduta. Lara si spogliò davanti a me e mi guardò stuzzicata mentre era in piedi davanti a me nuda e cruda. La prima cosa che ho pensato è stata: "Bella ragazza". Era una donna piccola, con un bel seno, capezzoli piccoli e un culetto stretto. Mi sbottonò la camicia e me la tolse insieme alla maglietta. Vedi, hai un bel corpo. La ringraziai per il complimento e gliene feci uno simile. E giustamente, perché aveva un aspetto migliore di quello della foto. Sono magro e leggermente muscoloso. Guardai Mick che ormai era anche lui senza vestiti. Era grosso, quasi una volta e mezzo, ma ovviamente aveva allenato anche il suo corpo e notai che il suo cazzo, anche se mezzo flaccido, era probabilmente più grosso del mio.

Mi sbottonai i pantaloni, ma fui interrotto da Lara, che prese il comando e mi spogliò del resto dei vestiti. Il mio pene non era mezzo flaccido, ma duro come una roccia e stava dritto in piedi. Fece cenno a Mick di avvicinarsi e afferrò il suo cazzo con la mano destra e il mio con l'altra. Si inginocchiò in modo da trovarsi davanti a entrambi i nostri cazzi. Hmm, sbuffò. All'inizio gli ospiti mi hanno sorriso. E cominciò a baciarmi e a leccarmi l'uccello. Il mio cazzo saltò avanti e indietro per la deliziosa sensazione. Leccò la sua lingua lungo tutta la mia asta, larga e morbida, succhiandomi le palle, risalendo, leccando e facendo diventare la sua lingua il più grande possibile, e poi lo prese in bocca. Lei mi ha beatamente slinguato l'uccello e con le labbra l'ha scoperto. Succhiò e ingoiò e, con un occhiolino a me, si gettò sul cazzo di Mick. Ormai era cresciuto un po' e lo vidi diventare sempre più grosso e duro mentre lei succhiava e biascicava rumorosamente. Continuò finché anche lui non fu duro come una roccia.

Poi si fermò e salì sul letto, mettendosi in ginocchio. Mick si sedette sul suo sedere, così io mi spostai davanti. Le misi in bocca la mia verga e cominciai a scoparla dolcemente quando Mick cominciò a fare lo stesso. Gemeva, non potendo fare altro, e presto cominciò a contorcersi. Mi venne in mente qualcosa, glielo tolsi di bocca e lei mi guardò un po' sorpresa. Mi misi supino sotto di lei in modo che la mia bocca fosse sotto la sua figa e la sua bocca sopra il mio cazzo. Cercai il suo clitoride con la bocca e iniziai a leccarlo mentre Mick la scopava. Continuava a succhiarmi e si fermava perché a volte diventava troppo per lei. Spinsi più forte e più velocemente con le labbra e la lingua sul suo clitoride e la verga di Mick scivolò su di esso. Quando vidi il suo cazzo svettare, lo afferrai e lo presi in bocca. Lo succhiai con forza, cercando di prenderlo il più possibile in gola e lo sentii grugnire mentre ci provavo. Lo lasciai andare di nuovo e lo guidai nella figa fradicia di Lara. Chiusi le labbra intorno al suo clitoride e cominciai a succhiarlo con forza, facendo movimenti rapidi con la lingua. Prima la sentii tremare e poi cominciò a gridare, non molto forte, ma così tanto che per un attimo dubitai che uno di noi le stesse facendo del male. Ma Mick continuava a pompare e così giunsi presto alla conclusione che Lara si stava solo lasciando andare. Si scosse, tremò e urlò e affondò tra le mani stendendosi su di me, ancora con il mio cazzo in bocca. Non li ho contati, ma lei continuava a venire, sentivo i suoi succhi inondarmi la bocca. Ne ingoiai un po' e mi piacque così tanto da eccitarmi. Quando notai che aveva iniziato a sussultare e aveva finito di venire, leccai delicatamente ancora un po' e Mick si ritrasse lentamente. Si staccò da me e si sdraiò ansimando esausta. Woowwww sospirò a lungo e pesantemente. Mi ero avvicinato e l'avevo guardata, apprezzando il fatto che si fosse divertita così tanto. Vidi qualcosa con la coda dell'occhio e guardai davanti a me, fissando il grosso cazzo di Mick.

Lui ha detto: "Sarà fuori per un po' e tu hai fatto un bel pompino, continua così". Non c'erano dubbi: Mick voleva essere succhiato da me. Afferrai la sua asta e la spinsi dentro il più possibile. Due dita di larghezza sopra l'asta, più in profondità non era possibile, era così grande. Succhiai la sua verga e la lasciai scivolare fuori di nuovo mentre la mia lingua e le mie mani gli massaggiavano il cazzo e le palle. Ho cercato di farlo entrare il più possibile in gola, ma non ha funzionato. Prima mi mise una mano sulla testa e iniziò a muoversi al mio ritmo. Presto mise anche l'altra mano sulla mia testa e mi strinse sempre più forte. E presto mi stava scopando in bocca. Ogni tanto mi arrivava troppo in gola e mi venivano le lacrime agli occhi. Ma lui non lo vide affatto, aveva la testa rivolta verso l'alto e gli occhi chiusi. Subito dopo sentii il suo cazzo gonfiarsi e me lo mise in gola, sentii un getto di sperma spararmi in gola e lui riprese a pompare. Un secondo getto mi è arrivato in bocca e mi è sembrato di più.

Lo ripeté più volte, e ogni volta che entrava nella mia bocca, un getto sempre meno intenso si riversava nella mia bocca.
gemette che era arrapato e si alzò in piedi barcollando sulle gambe. Con una mano lo tenevo per i fianchi e con l'altra lo spingevo un po' indietro, ma ancora le mie labbra avvolgevano la sua asta. Mi arrivò in bocca un bel fiotto di sperma, gli feci capire quanto, chiusi le labbra e lo ingoiai. Chiusi le labbra e lo ingoiai, sapendo che per tutti gli uomini era uno spettacolo eccitante. Mi guardò con occhi grandi e sprofondò sul letto, accanto a Lara, che aveva osservato tutto dal suo lato. Lei annuì e mi sorrise con approvazione, dicendomi: "Non preoccuparti, avrai il tuo tornaconto...".

Lara era andata a prendere da bere per tutti noi e Mick si stava riprendendo da poco. Ma ero ancora eccitato e con un palo pulsante. Per fortuna è tornata subito con dell'acqua, le nostre bevande e una tazza di tè caldo. Ci porge le nostre bevande e noi le trangugiamo perché abbiamo sete. Ero ancora seduta sul letto e Lara si sedette dietro di me, mi legò un panno intorno alla testa e mi bendò. Mi fece sdraiare sul letto e mi massaggiò e accarezzò il corpo. Ogni volta ha mancato il mio sesso mentre mi accarezzava, poi si è fermata e ha bevuto un sorso di drink, ho sentito. Afferrò il mio cazzo con le labbra e lo succhiò. Ero un po' confuso, che bella sensazione, voglio dire, sono stato succhiato prima, ma con una bocca calda... Ho emesso un gemito. Bevve un altro sorso e continuò dolcemente, io tremavo di piacere. Quando si è bendati, la sensazione è molto più forte, quindi è stato un divertimento in più. Poi si fermò un attimo e sentii dei rumori di schiocco e di bagnatura, dai quali dedussi che stava facendo un pompino anche a Mick.

Le mie gambe furono sollevate un po' e sentii una mano ben lubrificata che percorreva le mie natiche fino all'ano. Due dita furono spinte delicatamente dentro e massaggiarono il mio sfintere. Sentii che si allargavano un po' e un terzo fu spinto dentro. Lentamente le dita furono spinte più dentro e attesero che il mio sfintere si rilassasse. Poi sentii la carne morbida e calda passare di nuovo sul mio cazzo. E ho goduto intensamente quando ho sentito le labbra calde scivolare verso il mio tronco. Il mio cazzo pulsava in fondo alla sua piccola gola stretta e sentivo l'ugola calda pulsare contro il mio cazzo mentre le scendeva in gola. Poi le dita furono estratte dal mio culo e un glande altrettanto spesso fu spinto contro il mio sfintere. Mi sono rilassato e l'ho fatto scivolare un po' dentro. Dopo aver inserito il glande, aspettò un attimo prima di continuare e mi lasciò abituare alla sua asta spessa. Mi rilassai di nuovo e lui lo fece scivolare di nuovo dentro fino a quando non riuscì ad andare oltre. Lara aveva smesso di succhiare per un po' e mi sussurrava frasi eccitate all'orecchio. Sembra arrapante. Puoi schizzare tutto il tuo seme nella mia gola e ingoiarlo tutto. E mentre mi sussurrava questo, Mick iniziò lentamente a scoparmi. Gemevo, tremavo e cominciavo a contorcermi in modo quasi incontrollato. Oh, ti stai divertendo... Devo succhiartelo adesso o aspettare ancora un po'?", sussurrò interrogativa. Mi hai appena leccato così bene che non vedo l'ora di restituirti il favore. Ormai mi stava scopando a fondo e il suo palo si muoveva avanti e indietro con spinte brevi e veloci. Non ce la feci più, afferrai le braccia intorno a me per aggrapparmi a qualcosa e avvolsi le dita intorno alle lenzuola. Poi sentii di nuovo quella bocca calda e umida intorno al mio cazzo e Lara, a quanto pare, non riuscì più a trattenersi e mi succhiò come se le piacesse. Sentivo che stavo per sborrare, il mio corpo fremeva e rabbrividiva, afferrai la testa di Lara e la tenni stretta mentre lei succhiava il mio cazzo fino in fondo. Voleva tutto in gola? Beh, ti prego, ingoia, ragazza, pensai, esplodendo di eccitazione. Cercò di tirare indietro la testa quando il mio primo getto le entrò in gola, ma io la tenni stretta finché non arrivò il secondo e le afferrai i capelli e le accarezzai il viso e la tenni per il mento e lei mi guardò dritto in faccia quando le sparai il secondo e il terzo getto nella bocca aperta. Come sei eccitata, le dissi. Mick lo tirò fuori e osservò lo spettacolo con soddisfazione. Lara catturò gli ultimi getti di seme e leccò la mia verga, continuando a succhiare delicatamente. Dopo ho tremato a lungo e mi sono stupita della quantità di seme che avevo scaricato. Ho bevuto del vino per riprendermi. Tutti e tre eravamo sdraiati sul letto a divertirci. Lara giocava con l'uccello di Mick e lui le accarezzava la figa e le massaggiava il seno. Non ci volle molto prima che sentissi di nuovo uno strattone nel mio sesso, Lara se ne accorse subito e cominciò a giocare anche con il mio. Beh, aveva ancora una fantasia da realizzare. Le chiesi: chi vuoi nella figa e chi nel culo? Disse che ci aveva provato una volta con Mick, ma lui era troppo grosso per lei, quindi era compito mio. Mi succhiò ancora bene e con forza, poi si sedette su Mick e fece scivolare la sua asta dentro. Mentre loro cavalcavano, presi del lubrificante e mi lubrificai le dita. Le massaggiai il buco del culo, poi lo sfintere e le infilai prima un dito. Lei gemette dolcemente e continuò a scopare. Quando ne infilai un secondo, lei gemette un po' più forte e cominciò a muoversi violentemente. Le massaggiai l'intestino dall'interno e lo spinsi fino in fondo. Gemette violentemente, poi la allargai ancora un po' spingendo le dita, ne aggiunsi lentamente una terza e spinsi anche questa più in là, finché non mi accorsi che non ce la facevo più. Ora è pronta, pensai, e mi sdraiai sopra di lei. Le sussurrai all'orecchio: "Ora ti scoperò il culo e tu godrai". Lei si contorse sotto di me e io appoggiai il glande contro il suo sfintere. Era così eccitata che spinse il culo indietro in modo che il mio cazzo scivolasse nel suo culo. Mi sono tirato un po' indietro per stuzzicarla. Ma lei ha subito implorato: "Oh, mettilo dentro, adesso! Voglio il tuo cazzo nel mio culo, scopami, quasi urlava. Poi lo spinsi dentro il suo buchetto stretto e mi resi conto che il cazzo di Mick non ci sarebbe entrato. Il mio cazzo era chiaramente già al limite. Quando sentii che si rilassava di nuovo, spinsi ancora un po' finché non fu tutto dentro. È una bella sensazione", le dissi. Cominciai a scoparla lentamente con colpi lunghi e profondi, e sentii anche il cazzo di Mick che andava avanti e indietro nella sua fica. E quando i nostri cazzi si incrociavano nel suo corpo, il piacere aumentava. Presto trovammo un ritmo, poco dopo non riuscì più a resistere, gemette e vibrò violentemente e venne. E lei continuò a venire e a venire ancora e a rabbrividire così tanto con il suo corpo che il mio palo ricevette una stimolazione extra piacevole. Io e Mick avevamo aumentato il ritmo e stavamo scopando come selvaggi, sentivo che stavo per venire e vedevo dalla faccia di Mick che stava per farlo. Quando sentii il suo cazzo gonfiarsi nella sua fica fu troppo anche per me e le riempii l'intestino e lo sentii bagnarsi mentre la scopavo dolcemente. Mi staccai da lei e lei si staccò da Mick e si sdraiò tra di noi, in preda all'eccitazione. Tutti e tre eravamo completamente esausti e soddisfatti e continuammo a divertirci per un po'. È stato un appuntamento importante, e probabilmente non l'ultimo.

© The Stringpoint Group

 

bron: Oops.nl

 

 

 

Vorremmo mettere cookie sul vostro computer per aiutarci a rendere questo sito migliore. Questo va bene? NoMaggiori informazioni sui cookie »

ISCRIVITI QUI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti

Crea un account

Creando un account con il nostro negozio, sarai in grado di muoverti attraverso il processo di pagamento più velocemente, memorizzare indirizzi multipli, visualizzare e rintracciare i tuoi ordini nel tuo account e molto di più.

Registrati

Recently added

Non ci sono articoli nel tuo carrello

Totale tasse incl.:€0,00
Order for another €50,00 and receive free shipping