Menu
0
CONSEGNE VELOCI
IL MIGLIOR SERVIZIO
15.000 ARTICOLI DIVERSI
SPEDIZIONE GRATUITA / € 50,-

THE STRINGPOINT GROUP

"Si apre i pantaloni e mette da parte il mio perizoma"

Giovedì

Non sono mai scappato così in fretta come oggi. Mentre Josien era in piedi con due ciotole di sushi in mano per sorprendere il marito "lavoratore duro", io ero improvvisamente lì sulla sua scrivania. La cosa brutta è che non vengo quasi mai al lavoro di Mark. Il giovedì è la sua normale serata di tennis, ma lo trascorre quasi sempre a casa mia. Josien non dice nulla, ma vedo le lacrime nei suoi occhi. Mi sentivo quasi in colpa. Quasi. Ma ora ho una serata noiosa e lei ha di nuovo suo marito gentile con se stessa. Bah.

Lunedi

Che fine settimana incredibilmente noioso è stato questo. Ho ricevuto solo un messaggio da Mark che diceva che c'erano molti bombi a casa. Ma l'illusione che l'imbroglione sarebbe stato cacciato o lasciato io stesso il buco sponsale, l'ho lasciata andare da tempo. Per fortuna oggi ho delle distrazioni al lavoro. Pauline, Chris ed io discuteremo della festa che faremo – grazie a me! - permesso di organizzare.

"Bene," inizia Chris. Quindi vogliono una festa aziendale venerdì 7 ottobre. Questa è una sfida a breve termine, ma dovrebbe essere possibile. Quante persone sono esattamente? E qual è il budget esatto?" Pauline si appoggia allo schienale della sedia, mi indica e dice che ho preso il verbale. Il sudore mi scoppia addosso. In tutta la costernazione di essere seduto allo stesso tavolo con Mark, mi sono completamente dimenticato di prendere appunti.

Apro il mio portatile. Ho solo annotato la data e che dovrebbero essere coinvolti un commensale ambulante, una band e un DJ. Paolino sorride. Penso che si renda perfettamente conto che non ho scritto nulla. La guardo chiedere aiuto, ma lei tace. “Non mi ricordo Chris”, dico. “Ero così impegnato a trovare idee creative che mi sono dimenticato di dedicare qualche minuto. Ma non lavoro qui come segretaria, vero?»

Chris quasi esplode di rabbia. Non c'è traccia dell'attrazione che una volta c'era tra noi. Penso che si rammarichi profondamente di prolungare il mio contratto. Chiede se Pauline vuole uscire dalla stanza e poi inizia a urlarmi contro. "Non posso lasciarti niente, niente! Sei davvero troppo stupido per fare la cacca. Non possiamo organizzare una festa come questa, vero?"

“Lo so bene. D'ora in poi puoi solo svolgere compiti semplici. Venerdì è l'apertura di un ristorante sulle Zuidas. Puoi mantenere la lista degli invitati. Normalmente un lavoro per uno stagista, ma non comincerà fino alla prossima settimana". Voglio dirgli che non lavoro affatto il venerdì, ma dopo aver visto la faccia arrabbiata di Chris decido di non farlo.

Giovedì

Mentre inserisco i nomi di tutti coloro che si sono iscritti all'inaugurazione nel mio laptop, vedo Pauline mettersi un rossetto rosso brillante. In realtà sta davvero bene con un vestito verde attillato con un updo ad arte. Improvvisamente mi innervosisce il fatto che presto sarà seduta al tavolo con Mark. "Ci vediamo domani all'inaugurazione", dice. “Mettiti scarpe comode, devi stare in piedi per ore con quella lista degli invitati. Poi vengo a portarti da bere ogni tanto!"

La guardo pensieroso. Mi piacerebbe dirle la verità, ma la paura di perdere il lavoro mi sta trattenendo. E so che ora c'è molto lavoro ovunque, ma mi piacciono le pubbliche relazioni, guadagno bene e sono estremamente flessibile con i miei orari, il che è bello da combinare con la mia dolce bambina Ella. Ma quando finalmente è sera e Mark è tra le mie braccia, non posso fare a meno di chiedergli se trova Pauline attraente.

"Certo", dice. “Sembra carina. Ed è intelligente e audace, mi piace. Ma dov'eri comunque?" Scherzo che ero troppo impegnata con la festa di inaugurazione del ristorante che devo organizzare domani. Sembra sorpreso. "Che carino! Non me l'avevi ancora detto. Non puoi assicurarti che Josien riceva un invito? Sarebbe un bene per la sua rete”.

Non proprio. Ogni minuto che vedo quella persona è uno di troppo. "Ho l'impressione che sia piuttosto arrabbiata con me," mormoro. "O stava bene con me sdraiato sulla tua scrivania?" Scuote la testa e dice che è davvero arrabbiata e che è stato un commento stupido. "Parliamo di te", borbotta. "Che tipo di mutandine indossi oggi?" E prima che me ne accorga, fa scivolare le mani sotto il mio culo e io mi siedo sulle sue ginocchia. Si apre i pantaloni, mette da parte il mio perizoma e pochi istanti dopo è dentro di me.

Gli metto le mani sulle spalle in modo che mi riempia ancora di più. Si spinge dentro di me con i suoi fianchi potenti e non riesco a pensare a nient'altro che a lui. “Ti amo”, dico quando ci sdraiamo uno accanto all'altro, ansimando. Mark non risponde, ma guarda l'orologio e gli dice di andare. E per un momento non so se dovrei accettare ancora questa cosa o iniziare a dare dei calci a una scena.

© The Stringpoint Group

 

bron: de Telegraaf

Vorremmo mettere cookie sul vostro computer per aiutarci a rendere questo sito migliore. Questo va bene? NoMaggiori informazioni sui cookie »

ISCRIVITI QUI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti

Crea un account

Creando un account con il nostro negozio, sarai in grado di muoverti attraverso il processo di pagamento più velocemente, memorizzare indirizzi multipli, visualizzare e rintracciare i tuoi ordini nel tuo account e molto di più.

Registrati

Recently added

Non ci sono articoli nel tuo carrello

Totale tasse incl.:€0,00
Order for another €50,00 and receive free shipping