Menu
0
CONSEGNE VELOCI
IL MIGLIOR SERVIZIO
15.000 ARTICOLI DIVERSI
SPEDIZIONE GRATUITA / € 50,-

THE STRINGPOINT GROUP

"Lo spingo via da me e mi siedo sopra di lui"

Lunedi

Sono nervoso. Ho un disperato bisogno di soldi. E questo lavoro sta bene anche sul mio curriculum. Per un momento ripenso al tempo in cui ero dietro la catena di montaggio e al momento in cui ho pensato che avrei potuto avere bisogno di un papà di zucchero per sbarcare il lunario. Quindi entro nell'ufficio di Chris un po' timido. “Scusa per aver messo in dubbio le convinzioni dei tuoi genitori,” comincio a chiacchierare.

Ma Chris mi interrompe. "Carteggiatelo sopra", dice. “D'ora in poi, manterremo il nostro contatto puramente professionale, che penso sia meglio per tutte le parti. Ascolta. Devo presentare un nuovo marchio di vino spagnolo. Vogliono giocare un ruolo più importante nel mercato olandese. Vendono il vino al supermercato quindi è accessibile e conveniente. Vorrei chiedere a te e Pauline di sottoporre entrambi un'idea. Se vinciamo il campo, anche la persona di cui scelgo l'idea può realizzarla".

Wow, questa conversazione sta andando molto diversamente da come immaginavo. Non perderò affatto il lavoro, anzi. Preferirei saltare Chris sul posto, ma penso che sia meglio di no. Io mi alzo. Chris mi lancia uno sguardo meditabondo e faccio qualche passo indietro per essere sicuro. “Laura…”, dice. "Ehm no, non importa. Vorresti chiedere a Pauline di venire nel mio ufficio?"

Sfortunatamente, Pauline non è affatto felice. Dopo la conversazione con Chris, dice che pensa che sia ridicolo che a un lavoratore temporaneo venga assegnato un incarico così importante. "Irene non ha nemmeno la possibilità di lanciare," dice snippy. “Chris ti favorisce. Sii onesto, dormite insieme?" Penso alla bocca di Chris sulla mia e alle sue mani sul mio corpo. Ma prima che possa dire qualcosa, continua: "Sai qualcosa di vino?"

"Non preoccuparti," rispondo di scatto. "Più di te, suppongo. E no, Chris ed io abbiamo una relazione puramente d'affari. Sii felice che Chris abbia così tanta fiducia in me. E ora torno al lavoro". A dimostrazione di ciò, mi siedo dietro la mia scrivania e comincio a digitare ad alta voce. Quando sento Chris che mi guarda più tardi nel corso della giornata, abbasso gli occhi. Nessuno dovrebbe pensare che ci stiamo frequentando.

Giovedì

Penso che spenderò gli ultimi risparmi che ho in un corso di vino per assicurarmi di essere ben preparato. Lo cercherò stasera, Ella non è comunque qui. Ma proprio mentre entro in A2, Mark chiama. "Bellezza. Cosa fai stasera?" Quando glielo spiego, è subito entusiasta. “Non sono un sommelier, ma sono un intenditore di vini. Devo venire da te stasera con delle bottiglie?

Dubito per un momento. Comincio a piacermi sempre di più Chris e so cosa si sente quando ho una relazione con un uomo sposato. Almeno quello che ne resta. D'altra parte, se continuo con Chris, avrò solo una seccatura al lavoro. Quindi sono d'accordo.

Mentre Mark sale le scale cariche di borse piene di vino, lo guardo bene. Tra poche settimane compirà 44 anni e si vede. I capelli alle tempie stanno ingrigindo e c'è una piccolissima macchia calva sulla sua corona. Ma appena mi sorride e mi prende tra le sue braccia, me ne dimentico subito. È ancora incredibilmente sexy.

"Accidenti, mi sei mancato così tanto", dice. “Aspetta, metti questo in frigo. Cominciamo con una piccola bolla per festeggiare che sono qui". Apre una bottiglia di champagne e io verso due bicchieri. Poi si china su di me. La sua lingua scivola oltre le mie labbra e nella mia bocca. gemo. Sono così pazzo di lui. Perché ha comunque bisogno di essere sposato con quella donna orribile?

“Prima tu,” dice. "Dopodiché, continueremo con il corso". Mi trascina nella stanza ed entrambi ci spogliamo rapidamente. "Mi mancava così tanto", dice Mark, guardando il mio corpo nudo. "Mi sei mancato così tanto." Mi spinge indietro sul letto, mordendomi delicatamente lo stomaco. La sua lingua mi lecca l'ombelico. E baciando lentamente va sempre più in basso fino a raggiungere il mio punto più sensibile.

non ce la faccio più. Lo spingo via da me e mi siedo sopra di lui. "Sei mia", dico. "Tutto mio." E poi ci fondiamo insieme e non riesco più a pensare a niente. A parte il fatto che sono così pazzo di lui.

Un'ora dopo siamo seduti a tavola con otto bottiglie di vino e altrettanti bicchieri. «È un buon piano?» chiedo. “Devi guidare ancora e nessuno di noi due ha mangiato niente. Ordino una pizza? Guardo l'orologio. Non passerà molto tempo prima che Mark pensi che dovrebbe andare a casa perché altrimenti Josien inizierà a preoccuparsi.

"Hai Ella questo fine settimana?" chiede Mark. E quando scuoto no, dice: “Spostiamo il corso del vino a sabato. Josien è andata da sua madre con i bambini. Uff. Mi sta invitando a casa sua adesso? Dove vado a sdraiarmi nel letto matrimoniale?

© The Stringpoint Group

 

bron: de Telegraaf

Vorremmo mettere cookie sul vostro computer per aiutarci a rendere questo sito migliore. Questo va bene? NoMaggiori informazioni sui cookie »

ISCRIVITI QUI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti

Crea un account

Creando un account con il nostro negozio, sarai in grado di muoverti attraverso il processo di pagamento più velocemente, memorizzare indirizzi multipli, visualizzare e rintracciare i tuoi ordini nel tuo account e molto di più.

Registrati

Recently added

Non ci sono articoli nel tuo carrello

Totale tasse incl.:€0,00
Order for another €50,00 and receive free shipping