Menu
0
CONSEGNE VELOCI
IL MIGLIOR SERVIZIO
15.000 ARTICOLI DIVERSI
SPEDIZIONE GRATUITA / € 50,-

THE STRINGPOINT GROUP

'I suoi gemiti mi fanno impazzire di desiderio'

Domenica

Mi sveglio con l'odore del caffè e dei panini freschi. Dove diavolo sono? Oh sì, a casa di Chris. E quel perfetto sconosciuto che era nella mia stanza ieri sera si è rivelato essere sua madre. C'è un asciugamano ai miei piedi, quindi cerco il bagno. È solo un po' imbarazzante dover indossare di nuovo la mia tuta da assistente di volo che odora di birra.

Per fortuna incontro di nuovo la madre di Chris nel corridoio, che mi offre un paio di jeans e un maglione piuttosto informi. Li metto comunque e poi vado a sentire l'odore del caffè. Tutta la famiglia è già seduta a tavola. "Ti stavamo aspettando", dice la madre con aria misurata. “Allora ora possiamo iniziare con la preghiera. Sei cattolico, spero?

“No, sono ateo”, dico, quando la preghiera è finita. La madre di Chris sembra amareggiata. “Non sono stato cresciuto religioso. Ma non preoccuparti. Chris ed io non abbiamo niente in comune. Sono solo un collega". Chris non dice niente, sua madre sembra sollevata. "Non sapevo nemmeno che vivesse ancora a casa?"

Chris dice senza mezzi termini che è stato costretto a vivere di nuovo con i suoi genitori da quando la sua ragazza si è lasciata, ma che sta cercando una casa da comprare. "Hai finito di mangiare? Poi ti accompagno alla stazione". Un po' stordito, raccolgo le mie cose e mi siedo in macchina. Solo quando arriviamo alla stazione riprende a parlare. “D'ora in poi, il nostro contatto è strettamente commerciale. Ci vediamo domani."

Sono un po' preoccupato sul treno per Rotterdam; la mia macchina è ancora con Angela. Se solo non avessi rischiato il mio lavoro essendo così dispettosa con la madre di Chris. Trovo anche piuttosto strano che un uomo sulla trentina viva ancora con i suoi genitori, anche se solo temporaneamente. Ma lui è il mio capo e ho un disperato bisogno di quel lavoro.

Suono il campanello di Angela e la porta si apre. Lei mi tira dentro. "Speravo saresti venuta presto. Jack è andato nel bosco con i ragazzi,” dice. Affondo la mia mano tra i suoi riccioli e annuso. Ha un profumo meraviglioso. Le tiro su il maglione e le strofino il capezzolo duro con il pollice mentre la tiro contro di me. Forse dovrei semplicemente dimenticare gli uomini della mia vita e concentrarmi sulle donne.

Angela mi accompagna in camera da letto e insieme cadiamo sull'ampio letto. "Che vestiti strani hai addosso", dice. "Toglili in fretta." Mi bacia a lungo e intensamente, la sua mano accarezza l'interno delle mie cosce. Il suo pollice scivola tra le mie gambe e non voglio altro che amarla. I suoi dolci gemiti mi fanno impazzire di desiderio.

Angela mi guarda negli occhi e all'improvviso non so cosa pensare. È solo sesso? O mi piace davvero? E cosa pensa di me e cosa ne pensa suo marito Jack? E Marco? E Chris? Cosa dovrei farci adesso? I pensieri mi attraversano la testa così forte che non riesco più a rilassarmi. "Devo andare, tesoro."

Angela è delusa. "Arrenditi a me", dice. Ma guardo l'orologio e scuoto la testa. Voglio andare a prendere Ella. Mi rimetto i miei vestiti, do un grosso bacio ad Angela e la ringrazio per la bella serata di carnevale. Poi salgo in macchina e guido velocemente fino ad Amsterdam. Voglio stare con mio figlio.

lunedì

Sono nervoso quando arrivo al lavoro. Improvvisamente mi sembra terribilmente poco professionale che io sia andato al luna park con il mio capo a Breda. E, naturalmente, è anche peggio che ho scambiato messaggi cattivi con il mio amante Mark mentre ero nel letto degli ospiti dei suoi genitori. Poi ho anche messo in dubbio le convinzioni dei suoi genitori e ho posto domande critiche sul fatto che vive ancora a casa.

Improvvisamente ho il terrore di essere licenziato. Mi piace molto il mio tempo in questa agenzia di PR e, inoltre, non posso permettermi di perdere lo stipendio. Se solo potessi tornare indietro nel tempo. Ma appena arrivo alla mia scrivania, vedo già Chris. Il suo look è fantastico. "Laura", dice. "Puoi venire subito in camera mia?

© The Stringpoint Group

 

bron: de Telegraaf

Vorremmo mettere cookie sul vostro computer per aiutarci a rendere questo sito migliore. Questo va bene? NoMaggiori informazioni sui cookie »

ISCRIVITI QUI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti

Crea un account

Creando un account con il nostro negozio, sarai in grado di muoverti attraverso il processo di pagamento più velocemente, memorizzare indirizzi multipli, visualizzare e rintracciare i tuoi ordini nel tuo account e molto di più.

Registrati

Recently added

Non ci sono articoli nel tuo carrello

Totale tasse incl.:€0,00
Order for another €50,00 and receive free shipping