Menu
0
CONSEGNE VELOCI
IL MIGLIOR SERVIZIO
15.000 ARTICOLI DIVERSI
SPEDIZIONE GRATUITA / € 50,-

THE STRINGPOINT GROUP

"Ho voglia di farti delle cose cattive..."

lunedì

Josien urla che vuole entrare nel ristorante, anche se non ha un codice QR. E poi lei mi vede. “Cosa ci fa qui questa troia? Scopa mio marito da anni". Fortunatamente, passano alcune motociclette, quindi nessuno la capisce. Chris fa un passo avanti. “Scusa,” dice. "Non puoi entrare senza un codice QR." Chiude fermamente la porta e invita tutti a tavola.

giovedi

Quando tiro fuori Ella dal letto, si sente al caldo. Ha la febbre di oltre 39 gradi e quando le cambio il pannolino vedo delle macchie rosse dappertutto. Chiamo mia madre, che è accanto a me entro 2 minuti. "Posso già vederlo", dice. "Varicella. Rimettila a letto. Prenderò qualcosa in farmacia per il prurito". Fortunatamente, va sempre da Ella il giovedì e il venerdì, anche se mia madre probabilmente non pensa che sia una buona idea che io stia portando un bambino malato.

Ma anche Linda, che non vuole perdersi nemmeno un minuto di Ella, non gradisce che io porti Ella adesso. “Non credo di aver mai avuto la varicella e da adulto può farti stare male. Scusa Laura. La prossima settimana di nuovo". Quindi questo significa che non posso andare al lavoro e devo solo sperare che Ella voglia dormire stanotte. Mark sta arrivando e non ho intenzione di cancellarlo.

Fortunatamente il mio capo Chris è molto comprensivo. “Continua a lavorare a casa, amico. Ci sono accordi che altri possono subentrare a te?” Ma non è vero. Ho bisogno di inviare alcuni comunicati stampa e fare una campagna per un nuovo cliente; l'ennesima scatola pasto che compare sul mercato olandese. Cosa posso pensare di originale per questo?

Sto cercando di concentrarmi sul comunicato stampa di uno spazzolino elettrico che la stampa può provare gratuitamente. Gli influencer rispondono con entusiasmo, a volte chiedendo due copie, mentre un caporedattore che è chiaramente della generazione Boomer mi indirizza al reparto vendite. Muts, il produttore assume un'agenzia di pubbliche relazioni perché spera di ottenere attenzioni gratuite. Lo capisci tu stesso, vero?

Prima che me ne accorga sono le 6 e Mark è alla porta. Non ho niente in casa, indosso un vecchio maglione e jeans e sono stanco morto, mentre sono lontano dall'aver finito il mio lavoro. Ella è stata incollata a me tutto il giorno. “Mi dispiace,” dico. “Ho un bambino malato qui. Devo ordinare qualcosa? Pizza?"

Mark aggrotta la fronte a Ella mentre si accascia sul divano. "Ho immaginato qualcosa di diverso questa sera", dice. “Hai una baby sitter giovedì, vero? Ti ho appena comprato un regalo così carino. Si sporge verso di me e mi dà un bacio vertiginoso. Poi mi porge un pacco. "Ti ho portato delle manette", dice. "Ho voglia di fare cose cattive con te."

In quel momento Ella inizia a piagnucolare e tende le braccia verso di me. “Mi dispiace,” dico. "Forse non è il momento giusto." Mark sembra scontroso. “Grazie mille per il regalo. Sono davvero entusiasta di provarlo", dico. "La prossima settimana? Allora probabilmente Ella starà di nuovo meglio".

Marco si alza. Mi ha baciato sulla guancia. «Sarà dopo le mie vacanze, temo. La prossima settimana andremo a sciare in Austria, quindi giovedì devo fare le valigie e andare a letto presto”. Prende il cappotto e se ne va. Rimango un po' stordito. Quindi nulla è cambiato tra noi. Sta andando in vacanza con la sua famiglia e mi informa un po' con noncuranza. Non ho niente da dire a riguardo.

venerdì

Sono seduto davanti al mio laptop. Ella ha ossessionato tutta la notte e io mi stavo innervosendo per Mark. Poi il telefono squilla. È Chris! "Sono nel quartiere. Posso passare tra un'ora?" Certo che dico che va bene. Mi metto un vestito, mi rendo leggero e percorro la casa come un tornado.

"Ti piace vivere qui", dice Chris, porgendomi una bottiglia di champagne. “Questo è rimasto da lunedì. O pensi che sia ancora troppo presto per questo? Sorrido. Dopotutto, non è mai troppo presto per lo champagne. Quando vado a cercare gli occhiali, mi porta via Ella senza chiedermelo, che con mia sorpresa gli sorride raggiante. Normalmente non è mai così facile con gli estranei.

“Sono zio da qualche anno ormai,” spiega. Getta Ella in aria che ride. Spero che vada bene. Ma prima che io possa avvertire, si sputa addosso il contenuto della sua tazza di latte. "Probabilmente posso prendere in prestito una maglietta da te", dice, togliendosi la maglietta. Non riesco a staccare gli occhi dalla sua pancia cubica. Non avevo idea che fosse così tonico.

Mi rende irrequieto. Riesco a malapena a saltare sul mio capo. Ma mentre vado in camera mia, il mio telefono squilla. È mia sorella Frederique. “Laura,” dice entusiasta. “Posso stare nella casa per le vacanze di un collega in Francia durante le vacanze di primavera. Puoi sciare in modo fantastico. Vieni con Ella? Martino paga".

Martino paga? Gli devo ancora molto. Quindi dico a mia sorella di pensarci un po'. Non voglio creare false aspettative; dopotutto non ho dimenticato il suo dickpick. E mentre osservo lo stomaco a cubetti di Chris, il mio telefono suona di nuovo. È Martin stesso. "Ho sentito che andrai a sciare. Buon piano. Il rimborso è possibile anche in natura…”

© The Stringpoint Group

 

bron: de Telegraaf

Vorremmo mettere cookie sul vostro computer per aiutarci a rendere questo sito migliore. Questo va bene? NoMaggiori informazioni sui cookie »

ISCRIVITI QUI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti

Crea un account

Creando un account con il nostro negozio, sarai in grado di muoverti attraverso il processo di pagamento più velocemente, memorizzare indirizzi multipli, visualizzare e rintracciare i tuoi ordini nel tuo account e molto di più.

Registrati

Recently added

Non ci sono articoli nel tuo carrello

Totale tasse incl.:€0,00
Order for another €50,00 and receive free shipping