Menu
0
CONSEGNE VELOCI
IL MIGLIOR SERVIZIO
15.000 ARTICOLI DIVERSI
SPEDIZIONE GRATUITA / € 50,-

THE STRINGPOINT GROUP

"Mi tolgo le scarpe e mi tolgo le mutandine"

Laura è su Tinder. Scorre le foto del profilo e poi all'improvviso vede passare una vecchia conoscenza.

lunedì

"Guarda allora", urla Fleur e mi lancia il telefono. "Non è Marco?" Ho paura, perché ha ragione. Mark mi fissa dallo schermo. Conosco la foto, ha già qualche anno. Ha un bell'aspetto. Ma cosa sta facendo su Tinder? Le cose stanno così male tra Josien e lui? E – cosa che voglio davvero sapere – perché non mi ha chiamato?

Ovviamente non posso resistere a strizzarlo a destra e poco dopo abbiamo una partita. "Ehi", dice. “Ti chiamo domani, va bene?” Non rispondo. Ma aspettiamo e vediamo se lo fa davvero. Per distrarre Fleur, comincio a pensare che i miei affari non decollano e se lei pensa che dovrei andare avanti o se dovrei ricominciare a fare domanda.

"Penso di sapere qualcosa", dice Fleur. “Ho sentito che stanno ancora cercando un consulente presso un'agenzia di pubbliche relazioni a Utrecht. È un congedo di maternità, quindi per circa cinque mesi. È qualcosa per te?" Quando obietto che non ho alcuna esperienza, lei scuote la testa. “Cerchi di mettere da parte gli artisti. Non è una forma di PR? Aspetta, ti do il numero di telefono del mio contatto.

martedì

Dopo qualche esitazione chiamo Pauline, la persona di contatto dell'agenzia di PR che Fleur mi ha consigliato. Sembra molto entusiasta e suggerisce di programmare una videochiamata con lei e un collega. Dopo la conversazione mi sento meglio di come mi sono sentito da secoli. Un nuovo lavoro mi darebbe molto sollievo e forse allora potrò iniziare a ripagare mio cognato.

Quando cammino al supermercato nel pomeriggio, Mark chiama. Sussulto involontariamente, ma rispondo comunque. "Bellezza", dice. "Mi sei mancato." Non so proprio cosa rispondere. In effetti, sono furioso per il fatto che sia rimasto in silenzio per così tanto tempo e ancora più arrabbiato per il fatto che sia su Tinder. Ma sì, riesco a malapena a iniziare a scattargli addosso nel bel mezzo del Jumbo.

Mi chiede come sto, ma aspetta appena una risposta. "Voglio vederti", dice. "Quando ci incontriamo? Giovedi? Devo venire da te?" È molto fastidioso che il settore della ristorazione non sia ancora aperto, perché avrei preferito incontrarlo in un luogo pubblico. La mia casa suscita solo aspettative che non voglio essere all'altezza.

"Non credo sia una buona idea," rispondo freddamente. "Andiamo a fare una passeggiata." Mark ribatte che giovedì è prevista molta pioggia e che pensa che sarebbe più divertente se venissi nel suo ufficio. A malincuore sono d'accordo. Nel suo ufficio, facevamo anche cose che a sua moglie non sarebbero piaciute affatto.

giovedi

La conversazione con Pauline e la sua collega Sanne sta andando ben oltre le aspettative e vogliono che ci sia. Abbiamo concordato che lavorerò in ufficio martedì, giovedì e venerdì, a casa lunedì e mercoledì libero. Quindi posso mantenere il mio unico cliente: un'autrice di auto-aiuto ed Ella ha solo bisogno di andare all'asilo nido due giorni alla settimana. Martedì è il mio primo giorno, in modo che il mio predecessore possa conoscermi.

Alle sei sono in piedi davanti all'ufficio di Mark. Solo la sua macchina è nel parcheggio. Il mio cuore batte forte. Penso a quel adorabile Chris che ho incontrato a Capodanno. È stato duro con la mia relazione con Mark. Penso a Josien e alle loro figlie. A me stesso e ai miei sogni futuri di costruire una relazione stabile con un brav'uomo. Forse un altro bambino. E decido: questa è l'ultima volta che vedo Mark.

Scrivo che ci sono e un attimo dopo apre la porta. Tutte le mie intenzioni di mantenere le distanze scompaiono come neve al sole. Il mio sguardo scivola sui contorni del suo viso, i suoi ricci scuri e gli occhi blu acciaio. Fisso la sua mascella tesa, il suo naso dritto e infine la sua bella bocca con labbra meravigliosamente carnose. Pff. Vorrei avvolgere le mie braccia intorno al suo collo e baciare quella bocca finché non saremo entrambi senza fiato.

Qualche istante dopo siamo nella sua stanza. Io guardo lui e lui me. Allo stesso tempo, facciamo entrambi un passo avanti e lui mi tira forte contro di sé. E poi ci aggrappiamo l'un l'altro come due persone che affogano. Le nostre lingue si torcono leccandosi. Gli slaccio la cravatta, lui mi tira i collant. Mi tolgo le décolleté e mi tolgo le mutandine. Mi siedo sulla sua scrivania e allargo le gambe in modo che possa stare in mezzo a loro.

"Voglio essere dentro di te", ringhia Mark. "Mi sei mancato così tanto." Mi accarezza tra le gambe finché non urlo di piacere. "È permesso?" Annuisco e un attimo dopo lui è sopra di me e poi nel profondo di me. Mi riempie finché non posso più. Gli mordo la spalla e singhiozzo. "Ti amo, Laura," geme mentre raggiunge il suo apice. „Ti amo davvero tanto

"E adesso?" Lo guardo mentre dieci minuti dopo siamo intrecciati uno accanto all'altro sul divano. "Cosa accadrà adesso?" E poi guardo Mark e non so davvero se voglio sentire cosa dirà.

© The Stringpoint Group

 

bron: de Telegraaf

Vorremmo mettere cookie sul vostro computer per aiutarci a rendere questo sito migliore. Questo va bene? NoMaggiori informazioni sui cookie »

ISCRIVITI QUI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti

Crea un account

Creando un account con il nostro negozio, sarai in grado di muoverti attraverso il processo di pagamento più velocemente, memorizzare indirizzi multipli, visualizzare e rintracciare i tuoi ordini nel tuo account e molto di più.

Registrati

Recently added

Non ci sono articoli nel tuo carrello

Totale tasse incl.:€0,00
Order for another €50,00 and receive free shipping